Consigli per l'inverno

Pubblicato Dom, 09/11/2014 - 12:42 da Anna Federica
inverno Quando uno è stanco ci vuole una bella dormita

 

In questo nuovo post troverete nuovi consigli per aiutare i nostri compagni per passare l'inverno.

IL FREDDO: DORMIRE DENTRO CASA O DORMIRE FUORI

Iniziamo affermando una cosa: non tutti gli animali sono uguali di fronte al freddo. In funzione della loro razza, della loro età, del loro stato di salute e del loro stile di vita durante il resto dell'anno. 

Cani come il pastore dei Pirenei, il San Bernardo o il Bovaro bernese, per esempio, preferiscono l'aria aperta. Quando sono giovani e in buona salute, se abituati a dormire fuori, preferiscono stare in giardino, anche se coperto di neve, piuttosto che vivere in casa. Nessun problema se il cane passa la notte fuori, a condizione che disponga di un posto adatto. Il rifugio deve essere ben isolato termicamente, elevato dal suolo, impermeabile ed al riparo dal vento. Sarà lo stesso per un giovane micio abituato a vivere all'esterno e a rientrare nella casa soltanto due o tre volte al giorno per mangiare. Giusto il tempo di mangiare le sue crocchette e poi di nuovo fuori a correre. Al contrario, un cane o un gatto a pelo corto, abituati a vivere in casa, non dovranno essere lasciati fuori quando la temperatura scende troppo. Detto così può sembrare ovvio, ma ci sono sempre situazioni in cui ciò che sembra ovvio non lo è in ultima analisi: Quando arrivano i primi freddi cosa fare di un pastore tedesco o di un pastore dei Pirenei, che ha soltanto tre o quattro mesi ed è destinato a dormire fuori? Forse è meglio tenerlo dentro ed attendere la primavera prima di abituarlo alla vita all'esterno. Lo stesso dicasi del cane, che ha sempre dormito fuori, quando si ammala. Anche se il vostro pastore tedesco ha un buono posto adatto nella sua cuccia e non è mai stato in casa, è prudente tenerlo al caldo durante la convalescenza. L'interno di un garage, ad esempio, può essere un buon compromesso tra le sue abitudini all'aria aperta e la necessità di rimanere ben coperto durante la malattia. E che dire del cane, spesso vecchio, che ha sempre dormito vicino al letto o sul tappeto del salone, ma che viene messo fuori a causa di un'incontinenza dovuta ad una paralisi? Questo genere di situazioni è ovviamente molto difficile da affrontare. Fortunatamente alcuni dispositivi permettono spesso di gestire il disturbo, permettendo di tenere l'animale ancora in casa. Ad esempio un tappetino igenico, dove potergli far fare i suoi bisogni, può essere una buona soluzione.

 FREDDO E ALIMENTAZIONE 

Gli animali, che conducono una vita attiva all'esterno, con il grande freddo hanno un fabbisogno energetico maggiore. In questi momenti sarà dunque necessario aumentare le razioni dal 10 al 20% ed eventualmente utilizzare prodotti alimentari adeguati a questo periodo, più ricchi in proteine. Questi consigli sono ovviamente validi per quei cani o gatti che passeranno l'inverno all'esterno. L'animale un po' cicciotello che dorme in casa sul suo tappeto, magari vicino al termosifone, conserverà il suo regime alimentare abituale, anche in caso di tempo freddo. Nel dubbio, è meglio adeguarsi all'atteggiamento dell'animale: se il vostro gatto, abituato a dormire fuori, inizia a miagolare penosamente dietro la porta, in una sera dove le temperature sono molto basse per la notte… ebbene lasciatelo rientrare!

Aggiungi un commento